Per offrirti il migliore servizio possibile questo sito utilizza cookies.
Puoi visualizzare, modificare e aggiornare tutte le informazioni riguardanti le tue preferenze anche cliccando il link seguente: Cookie Policy & Privacy Policy

Endometriosi

L'alimentazione può aiutare nella riduzione dei sintomi

Di cosa si tratta?

L’endometriosi è una malattia cronica e invalidante, caratterizzata dalla presenza di endometrio, tessuto che normalmente riveste la cavità uterina, al di fuori dell’utero. Il tessuto endometriosico è estrogeno-dipendente, per cui ciclicamente mima le mestruazioni: prolifera e sanguina, provocando dolori pelvici cronici. La malattia, infatti, regredisce con la menopausa. In Italia, affligge il 10-15% delle donne in età riproduttiva, il cui picco è stimato tra i 25 e i 35 anni, ma può interessare anche fasce d’età inferiori.

Le cause di questa patologia non sono ancora del tutto chiare, ma una delle ipotesi è il passaggio durante i cicli mestruali di frammenti di endometrio dall'utero nelle tube e da queste nelle pelvi, dove s’impiantano sul peritoneo e sulla superficie degli organi pelvici. Le zone colpite, di solito, si concentrano nella cavità pelvica, più frequentemente sulle ovaie e sul peritoneo. Le donne affette da endometriosi hanno dolore pelvico cronico, che si aggrava soprattutto prima e durante il ciclo mestruale. Il dolore può manifestarsi anche durante i rapporti sessuali e, talvolta, durante la minzione e l'evacuazione. Questo dolore ha un notevole impatto sulla qualità di vita, interferendo con le attività quotidiane e le relazioni interpersonali.

Consigli Alimentari

Il termine dieta significa scegliere un regime alimentare che abbia come obiettivo quello di ridurre l'infiammazione provocata dall'endometriosi e di alleviare i dolori cronici. Non può essere considerata una cura, ma un aiuto ad affrontare il decorso della malattia. Migliorare la risposta insulinica e la sintomatologia globale dell’endometriosi, è possibile attraverso la combinazione di alimenti antifiammatori, disintossicanti e liberi di ormoni. Da considerare, ovviamente, anche la risposta soggettiva a tale regime alimentare.

Un aumentato consumo di fibre nella dieta aiuta la digestione ed il buon funzionamento dell’intestino. L’aumentato consumo di fibre determina una riduzione degli estrogeni circolanti nel sangue con un minore impatto sui tessuti estrogeno dipendenti. E' consigliabile, quindi, aumentare le fibre sino al 20 – 30% nei pasti, preferendo gli alimenti sotto elencati:

  • Verdure: contengono moltissime fibre e puliscono l’organismo, sono antiossidanti;
  • Cereali integrali: meglio se con poco glutine, abbassano il picco glicemico e contengono molte fibre;
  • Legumi: contengono proteine e carboidrati e non contengono glutine;
  • Frutta: è piena di vitamine e fibre;
  • Semi Oleosi: per il loro alto contenuto di Omega 3 e ferro.

Proprio gli acidi grassi omega 3 promuovono la produzione della prostaglandina PGE1 che riduce il livello di infiammazione addominale determinato dalla endometriosi. Perciò, si consiglia un incremento di consumo nella dieta di:

  • Pesce azzurro
  • Salmone e tonno
  • Olio di Oliva
  • Frutta secca: noci, noci pecan, mandorle, anacardi…
  • Avocado
  • Semi: chia, di girasole, di zucca e di lino.

Come ovvio, se si è parlato di alimenti che sarebbe utile introdurre, bisogna parlare di alimenti che sarebbe utile limitare ed evitare.

Ridurre il consumo di:

  • Carne: la carne rossa è da ridurre al minimo, va preferita la carne bianca di origine e allevamento controllato;
  • Latticini: sono concessi ma è bene ridurli al minimo per la presenza di caseina e lattosio;
  • Glutine: sebbene non sia da eliminare completamente, è bene assumerlo quando presente ma da farine integrali e grezze.

Da evitare, invece:

  • Alimenti industriali: merendine, patatine, barrette, biscotti, bevande zuccherate, prodotti confezionati…
  • Bevande alcoliche
  • Caffeina e bevande energetiche
  • Prodotti caseari di origine animale di allevamento non controllato: per il loro alto contenuto di ormoni e antibiotici
  • Prodotti contenenti soia: (salsa di soia, tofu, seitan, edamame..) per il loro contenuto di fitoestrogeni
  • Farine bianche e prodotti da forno raffinati
  • Grassi saturi
  • Zucchero bianco
  • Dolci altamente zuccherini
  • Avena e segale per il loro alto contenuto di estrogeni

Integrazione

Esistono componenti essenziali che aiutano notevolmente la riduzione della sintomatologia. Questi componenti sono talvolta difficili da trovare in alta concentrazione nei cibi. Esistono tuttavia integratori contenenti i seguenti componenti:

• Vitamina D
• Omega 3
• Omega 6
• Curcuma
• Quercetina
• Partenio
• Nicotinamide
• Metifolato di calcio

Dicono di me

Invia il tuo commento sul servizio che hai ricevuto a questo indirizzo:
dr@nutrizionistabergomi.it

Fammi sapere la tua opinione!

La mia alimentazione sregolata mi ha portato ad un aumento di peso davvero eccessivo. Grazie alla consulenza del dott. Bergomi ho imparato a gestire i miei pasti, soprattutto nei giorni in cui ho necessità di mangiare sul posto di lavoro. Sono tornata al mio peso forma senza rinunciare del tutto ai miei “peccati di gola”.
Laura M.
Conosco Williams da tanti anni in quanto sono stata sua paziente ed ora lo è anche mia figlia. Mi ha seguita anche durante la fase di svezzamento; è sempre disponibile a rispondere a ogni mio dubbio.
Micaela M.
Mi sono affidata al dott. Bergomi durante la preparazione atletica per una maratona; grazie alla combinazione di un’alimentazione adeguata e un’integrazione mirata ho raggiunto il mio traguardo. Sono pienamente soddisfatta della sinergia con cui abbiamo lavorato io, Williams e il mio coach.
Chiara C.
Il dott. Bergomi collabora con noi ormai da tre anni e non possiamo che ritenerci soddisfatti del suo operato. Sempre puntuale, educato e disponibile con i clienti.
Lo staff BeFit
Quando sono andato in studio dal dott. Bergomi ero in sovrappeso e avevo smesso di praticare lo sport che amo: il running. Mi ha fatto capire quanto l’alimentazione sia importante per mantenersi in salute ed è riuscito a motivarmi per riprendere l’attività fisica. Mi ha prescritto un piano nutrizionale, tenendo conto anche dei miei gusti e delle mie esigenze; i miglioramenti sono stati evidenti sin dall’inizio del percorso. Ho ripreso a correre e ho recuperato il mio peso forma.
Angelo R.
Mi sono affidata a Williams in quanto mi è stata diagnosticata un’intolleranza al glutine. Ho dovuto cambiare molti elementi della mia alimentazione quotidiana, ma grazie al suo aiuto è stato più semplice e “gustoso” del previsto. Assolutamente consigliato.
Anna B.
Nel suo accogliente Studio di Boffalora d’Adda, Williams riesce sempre ad accontentarmi con una dieta che si adegua ai miei ritmi frenetici tra lavoro, sport e palestra…! È un ragazzo che si aggiorna di continuo e lo si percepisce ad ogni visita, penso che difficilmente cambierò nutrizionista.
Dante D.

Ho letto l'[informativa] e acconsento al trattamento dei miei dati personali | * Campi obbligatori